Skip to content

Come scegliere una buona macchina fotografica?

Oggi parliamo di uno degli strumenti più rivoluzionari della storia: la macchina fotografica. E’ diventata oggi fondamentale nella vita di tutti, perchè dai, chi è che non desidera immortalare un attimo per sempre, per poi tornare lì, di tanto in tanto, a risporverarlo, e sentire ancora tutte le emozioni di quell’istante?

Grazie ai nostri smartphone tutti abbiamo la possibilità di fare fotografie senza dover comprare dispositivi dedicati: ormai tutti sono dotati di fotocamera interna ed esterna, ma la qualità non è sempre ottima. Clica quì per scoprire le migliori fotocamere per smartphone.

Questa guida è per chi desidera un apparecchio per fare fotografie di livello superiore o una macchina fotografica di una tipologia più specifica, adatta a diversi ambienti e situazioni.

Guida acquisto fotocamera

Tipi

Ci sono quindi diverse tipologie di macchina fotografica, a partire dai dispositivi non troppo impegnativi, alla portata di tutti, alle fotocamere professionali o quelle un po’ più retrò, fino ad arrivare a quelle adatte agli sport estremi, come le subaquee.

  • Compatte (point-and-shoot)

La fotocamera compatta è una fotocamera con obiettivo non intercambiabile, che può essere sia zoom, che a focale fissa. Spesso presenta dimensioni ridotte, quindi è portatile e adatta al cliente non troppo appassionato, che magari viaggia spesso.

  • Bridge

Le Bridge riempiono il divario e le differenze presenti tra le fotocamere reflex e le fotocamere point-and-shoot. Sono simili, per dimensioni e peso, alle reflex digitali più piccole, ma le fotocamere bridge non dispongono di obiettivi intercambiabili. Possono essere un buon compromesso per chi vuole una buona macchina fotografica, ma non necessita di un dispositivo “professionale”.

  • Mirrorless

A differenza delle reflex, che usano uno specchio per riflettere la luce nel mirino, le mirrorless sono prive di specchio e mirino ottico, come indica il nome stesso.

Invece di comporre l'immagine grazie al mirino ottico, le mirrorless permettono di visualizzare un'anteprima della foto sullo schermo LCD della fotocamera o grazie al mirino elettronico. Hanno obiettivi intercambiabili: sono perciò già considerabili più avanzate e professionali.

  • Super zoom tascabili

Le Super Zoom tascabili sono fotocamere compatte con zoom ottici superiori ai 20x. Il  peso e le  dimensioni sono considerabili una via di mezzo tra le point-and-shoot e le bridge. In quanto tascabili rimangono però spesso inferiori in qualità rispetto a mirrorless e Reflex, che restano le migliori per i professionisti e gli amanti della fotografia.

  • Reflex

Le Reflex rappresentano la scelta migliore per tutti i professionisti del settore e sono fotocamere con obiettivi intercambiabili. Sono più avanzate rispetto alle macchine fotografiche con ottica fissa poichè consentono la regolazione di diverse impostazioni per raggiungere la massima qualità in uno scatto. Si dividono in:

  • SLR: fotocamera reflex a obiettivo singolo. Utilizza in genere un sistema di specchi e prismi che consente al fotografo di vedere attraverso l'obiettivo ciò che verrà catturato.
  • DSLR: digitali a lente singola. Offrono il massimo controllo su tutti i parametri e includono allo stesso tempo anche delle funzioni automatiche che ne rendono agevole l’uso per i principianti. Sono piuttosto pesanti e ingombranti, ma restano la scelta prediletta dei fotografi.
  • TLR: reflex biottica. E’ un tipo di macchina fotografica con due obiettivi che presentano medesima lunghezza focale. Con le fotocamere reflex a doppio obiettivo, l'immagine visualizzata potrebbe essere significativamente diversa dall'immagine finale. 
  • Sviluppo immediato (polaroid) – stampante integrata

Le macchine fotografiche a instantanee, comunemente conosciute come polaroid, sono in grado di ottenere fotografie in pochi secondi o minuti, in base al modello.

Il brevetto della Polaroid consisteva in una fotocamera che contenesse una cartuccia con una serie di fogli fotosensibili, coperti singolarmente da una pellicola impregnata con una sostanza reagente. E’ un modello retrò, ma va sempre di moda!

guida per scegliere la fotocamera digitale migliore

Come scegliere la migliore: caratteristiche e funzioni

Per scegliere una buona macchina fotografica da acquistare bisogna tener conto di diversi fattori (impostazioni, parametri) relativi all’oggetto stesso. Ovviamente ognuno terrà conto delle proprie esigenze e darà più importanza ad alcuni di questi rispetto ad altri. Ma parliamone singolarmente.

Megapixel

Il numero dei Megapixel che compongono le foto è importante ma non quanto si pensa solitamente. I Megapixel riguardano le fotocamere digitali e (e quindi anche gli smartphone) in parole semplici. La qualità delle fotografie non è determinata solo da questi però: ad essi vanno associati sensori che riescono a catturare molta luce. 16 Megapixel è in generale un buon livello.

Prezzo

Se tutto quello che volete è una fotocamera economica, magari compatta, le migliori vanno dagli 80 ai 200€; credo sia impossibile trovare qualcosa che presenti una qualità abbastanza buona, ad un prezzo minore.

Ci sono poi le fotocamere di fascia media (Point-and-shoot, Mirrorless, Reflex) che vanno dai 200 ai 600€, che rappresentano una scelta già molto buona, per chi studia fotografia e per i più appassionati. I professionisti non possono far altro che dirigersi verso obiettivi più alti, andando oltre i 600€ e arrivando persino a dispositivi da 2000€!

Marchio

Ci sono diversi marchi che producono macchine fotografiche di vario genere; Tra questi troviamo Sony, Fujifilm e Panasonic per esempio, che propongono molte fotocamere, soprattutto compatte e digitali, che variano nella qualità e nella fascia di prezzo. Se parliamo di fotocamera a sviluppo immediato, ovviamente consigliamo una Polaroid.

Ma passiamo alle macchine fotografiche professionali: le maggiori marche che si contendono questa fascia di mercato, ma che ovviamente producono anche fotocamere accessibili a tutti, sono Canon e Nikon. Ovviamente se parliamo di professionalità parliamo di Reflex. Quale delle due scegliere? Non si può dire che una sia migliore dell’altra, quindi semplicemente, sta a voi!

Struttura esterna e materiale

La cassa è l'involucro esterno della fotocamera e può essere di plastica, di metallo o composta da una combinazione dei due materiali. I modelli di nicchia sono realizzati in lega di alluminio, un materiale che delinea la perfetta unione tra robustezza e leggerezza, e quindi perfetto soprattutto per le fotocamere subacquee.

Il peso, l’ergonomia e la resistenza sono due fattori molti importanti per la scelta: una super compatta è perfetta da portare ovunque, anche nelle borse più piccole, ma non si impugna bene quanto una macchina più grande; può essere comunque un ottima scelta per i “più piccoli”.

Gli amanti del reportage (che utilizzano fotocamere in tutto il mondo) o degli sport estremi dovrebbero considerare anche la protezione contro l’umidità e la polvere che garantisce il dispositivo.

Sensore

Il sensore di una macchina fotografica può essere di varie tipologie e dimensioni: nelle reflex ci sono quelli “Full Frame” (24×36mm), quelli “APS-C” (23x15mm) e quelli “Quattroterzi” (17x13mm).

La qualità della foto, come abbiamo detto, dipende dai Megapixel e dal Sensore. Il particolare, di quest’ultimo sono importanti le dimensioni, poichè più è grande più riesce ad entrare una buona quantità di luce.

Valore ISO

La sensibilità ISO è il livello di “luminosità” del sensore. Una buona macchina fotografica deve necessariamente avere un alto valore ISO, che permette di scattare buone foto anche in condizioni di luminosità molto scarse. Ma bisogna fare attenzione: non bisogna alzare troppo valore ISO, che è possibile impostare manualmente, perchè si mette a rischio la qualità dello scatto.

‎Tipi di macchina fotografica

Zoom e focali

Lo zoom è un obiettivo complesso la cui lunghezza focale può variare. La lunghezza focale è la distanza tra il sensore e il centro dell’obiettivo e può essere di diverse grandezze: 50 mm, la grandezza standard, grandangolare, che è capace di catturare ampie zone e teleobiettivo, che è capace di ingrandire il soggetto scelto.

Obiettivo

Anche l’obiettivo è importante per qualità delle fotografie. Per scegliere quale obiettivo comprare bisogna tener conto dell’apertura del diaframma, (responsabile dela quantità di luce in entrata) e della lunghezza focale (o dello zoom).

Dipende tutto da ciò che si vuole fare con la fotocamera da acquistare. Per i professionisti è importante scegliere una macchina dove l’obiettivo sia intercambiabile, per adattarsi quindi ad ogni ambiente e situazione, e scattare la fotografia perfetta.

Velocità

Legata ai sensori è la velocità dello scatto. Un'elevata quantità di pixel garantisce un elevato dettaglio di immagine, ma può comportare problemi di velocità nel trasferimento dei dati al processore d'immagine.

Maggiore è la risoluzione, maggiore sarà quindi la quantità di dati da trasferire e maggiore sarà il tempo necessario a trasferire i dati al processore d'immagine e la successiva registrazione dell'immagine. Risoluzione o velocità? Sta ancora una volta a voi!

Video

Molte fotocamere dispongono di una modalità video. Se per voi è un’opzione importante, bisogna considerare la risoluzione della macchina fotografica in questione.

Sono tre i formati di file utilizzati dalla maggior parte delle fotocamere in commercio: AVI, MOV, RealMedia. La durata dei video prodotti però è di solito limitata. non si può infatti pensare che i filmati possano essere equiparabili a quelli prodotti da videocamere digitali o analogiche.

Qualità del processore

Il processore di immagine è un processore digitale specializzato per l'elaborazione delle immagini ad alta velocità. Tutti i processori presentano alcune funzioni base, come la demosaicizzazione, la riduzione del rumore e la regolazione della nitidezza. Funzioni più sofisticate variano in base ai modelli. 

Connetività

Da tener conto è infine la possibilità di connettività di cui dispone il dispositivo. E’ importante che sia presente il Wi-Fi o l’NFC, per condividere le proprie fotografie, anche appena scattate, con altri dispositivi, sia personali che di altri utenti.

Ottimo per un lavoro più veloce, o magari di gruppo. Bisogna tener conto anche della presenza del GPS per salvare la propria posizione al momento dello scatto, rilevando latitudine e longitudine.