Skip to content

Guida all'acquisto del miglior smartphone

Il tuo cellulare si è rotto e sei pronto a cogliere questa opportunità al volo? Oppure hai semplicemente voglia di provare le migliori novità tecnologiche, ma non sai da dove cominciare perchè la scelta è troppo ampia? Segui la nostra guida per scegliere il miglior smartphone possibile, esaminando i tuoi gusti, le tue necessità e le tue opportunità!

Anche ti può interessare...

quale smartphone comprare

Prezzi

Ovviamente il budget è un fattore decisivo: a volte è un bel limite, se punti al top. Ma si possono trovare dei compromessi, e buone occasioni anche con budget di fascia bassa e media. Ovviamente tutti desideriamo fare un affare, e raggiungere quindi il miglior rapporto qualità-prezzo possibile.

Se punti a qualcosa di economico, fascia che arriva fino a 300€, consigliamo per esempio Huawei P20 lite, Samsung A8 o Xiaomi Mi A2. Se hai un budget che va dai 300€ ai 600€, tra le migliori scelte ci sono Xiaomi Pocophone F1, il Huawei P20, Huawei P9 o P9 LiteOnePlus 6 (versione base) o il Samsung Galaxy S9. Se sei un nostalgico, guarda la nostra recensione sul nuovo Nokia 3310.

Passa qui per saperne di più sui cellulari Samsung!

Se invece hai la possibilità di acquistare uno smartphone di fascia alta (dai 600 ai 1000€ o più), scegli un Oppo Find X, i nuovi iPhone (come L’Xr, l’Xs, e l’Xs Max), Huawei P20 Pro oppure Samsung Note 9.

Quale marca scegliere?

Le marche di smartphone sul mercato sono molte e crescono sempre di più. Ci sono alcune marche meno conosciute di cui magari non dovremmo fidarci, ma altre che invece propongono telefoni davvero buoni a prezzi super convenienti, e che stanno spazzando via le marche più conosciute, come Samsung o Apple, che però restano al top, e ancora Sony, Lg, Lenovo e HTC. Negli ultimi anni Huawei si è spianato la strada verso il successo; mentre tra le ultime, travolgenti novità troviamo Wiko, Oneplus, Honor e Xiaomi, una nuova marca di smartphone cinese.

Quale sistema operativo è migliore?

Il sistema operativo è alla base dell’utilizzo del cellulare, i più utilizzati sono due e li conosciamo tutti: Android (di Google) e iOS, il sistema operativo di Apple. Ovviamente il secondo per quanto riguarda gli smartphone di riduce agli iPhone, mentre buona parte dei telefoni sul mercato presenta sistema operativo Android, talvolta in versioni personalizzate rispetto alla marca.

Android

E’ molto semplice da utilizzare, ma purtroppo ci sono dei rischi: talvolta la presenza di molte applicazioni rallenta le prestazioni del cellulare, ed è possibile che possa essere attaccato da virus come i malware.Android è profondamente legato a Google: le applicazioni si scaricano da Google Play, secondo una vasta scelta tra giochi, app, libri e film gratuiti o a pagamento.L’interfaccia non è quasi mai la stessa; spesso le marche provvedono ad adattamenti e modifiche, ma possono essere scelti anche particolari temi dal singolo utente.Ormai anche Android ha un’intelligenza artificiale come iOS, Google Assistant, che sta migliorando sempre di più.

iOS

iOS invece dispone di vasta scelta, forse anche più ampia di Android, per quanto riguarda giochi e app scaricabili solo dall’App Store di Apple. In più grazie a iOS non c’è rischio che il cellulare possa contrarre virus o malware. In più l’interfaccia non si adatta a personalizzazioni ma è spesso soggetta ad aggiornamenti, che la rendono sempre unica e singolare.Gli aggiornamenti riguardano l’intero sistema, e rispetto ad Android sono istantanei e quindi più veloci. Da sempre gli iPhone hanno Siri, l’intelligenza artificiale che assiste gli utenti nell’uso del cellulare e del web.

Altri: Windows Phone o Blackberry

Ci sono però sul mercato anche alcune eccezioni, che hanno preso una propria strada: parliamo di cellulari come i Windows Phone o i blackberry.

  • I primi che abbiamo nominato presentano la versione mobile di Windows 10 come sistema operativo, per ora non ha accesso ad un’ampia scelta per quanto riguarda app e giochi, ma non c’è rischio di incombere in malware.
  • Blackberry 10 è invece l’ultimo sistema operativo dell’omonimo marchio commerciale: è simile ad una delle versioni di Android ma presenta un’interfaccia un po’ diversa.

cellulari in base alle loro caratteristiche

Dimensioni e peso

Solo pochi anni fa gli schermi dei nostri cellulari erano minuscoli: piano piano hanno cominciato ad ingrandirsi sempre di più e a presentare diverse particolarità. Di solito, se parliamo degli smartphone più moderni, i pollici dello schermo vanno da 5 a salire.

Sta a te scegliere se vuoi un cellulare che possa essere comodamente riposto nelle tasche o in borse piccole, oppure hai bisogno di qualcosa che, anche se all’apparenza può sembrare ingombrante, magari può essere utile per svolgere funzioni particolari: come abbozzare disegni o leggere un ebook, per esempio (come nel Note 9).

In media il peso di uno smartphone non supera i 400g.

Display

Il display è una delle cose più importanti da considerare quando stiamo per acquistare un nuovo smartphone, ma non solo per quanto riguarda le dimensioni, bensì anche per la tecnologia su cui si basano e la risoluzione. Le tecnologie più utilizzate sono:

  • LCD: Lo schermo è a cristalli liquidi, non presenta un alto consumo ma il contrasto dei colori non è dei migliori. Da qui nascono anche le tecnologie IPS e TFT: la prima consuma un po’ di più, ma vi sono maggiori differenze cromatiche e un miglior contrasto; TFT è simile a IPS, ma presenta angoli di visione meno ampi rispetto a quest’ultima. Molti Huawei hanno tecnologia IPS, come anche gli Oppo Phone.
  • AMOLED: Si basa sulla tecnologia OLED, che emette luce propria quando attraversata da corrente. Il contrastro è perfetto e presenta una maggiore nitidezza soprattutto se parliamo delle tonalità più scure (ha i neri migliori). Hanno però un costo maggiore e non garantiscono buona visibilità al sole (come gli LCD). E’ la tecnologia dei Samsung e dei OnePlus.
  • Retina: Tecnologia che appartiene ad Apple: è stata sviluppata per rendere impossibile la distinzione dei pixel da parte dell’occhio. Ormai però la densità di pixel è alta nella maggior parte degli smartphone, perciò non presenta differenze enormi rispetto alle precedenti tecnologie.

Per quanto riguarda la risoluzione, buona parte dei cellulare presenti oggi sul mercato sono HD o Full HD, ma se volete qualcosa di più e raggiungere il massimo della qualità visiva, ci sono ormai telefoni con risoluzione 2k e 4k (Ultra HD).

Processore

Il processore è alla base dell’esecuzione dello smartphone, della sua velocità e delle sue prestazioni. Questo componente hardware è integrato insieme alla GPU (scheda grafica) e altre componenti in un SoC.

La potenza del processore dipende dalla frequenza, che si misura in GHz, e dai core: ormai anche gli smartphone presentano soluzioni che vanno dal dual-core all’octa-core. Più sono i core, migliori saranno le prestazioni (poichè questi si dividono il lavoro da svolgere).

Memoria RAM

La memoria RAM è un fattore molto importante da analizzare: è ciò che rende il dispositivo reattivo e fluido anche quando viene utilizzato all’estremo. Di solito gli smartphone devono disporre di almeno 2GB di Ram, ma se sei disposto a spendere di più per un telefono più veloce è possibile arrivare anche a 6 o addirittura 8 GB.

Memoria esterna

Se la memoria interna del tuo smartphone non ti basta, puoi optare per una micro SD. Ormai quasi tutti gli smartphone dispongono di questo slot utilissimo, tranne alcuni dual-sim e alcune marche.

Le micro SD sono di diversi tipi: le microSD semplici hanno una capacità massima di 2 GB; ci sono però le microSDHC che dispongono di una memoria che va dai 4GB fino ai 32 GB e infine le MicroSDXC, che partono da 64GB e possono arrivare anche a 2TB.

Fotocamera

La fotocamera negli smartphone sta diventando un fattore sempre più considerato per la scelta; se desideri uno smartphone che disponga della miglior fotocamera devi valutare vari aspetti, come il numero dei Megapixel, su cui si basa la qualità e la risoluzione o l’apertura del diaframma, su cui si basa la nitidezza delle immagini, soprattutto al buio.

Ormai per gli smartphone avere una fotocamera che disponga anche di flash è un must. Di solito questo è a LED ed è utilizzato anche come torcia.

In generale, se vuoi una buona fotocamera posteriore, in media basta che presenti 12 megapixel, ma se punti al top, raggiungono persino 16 o più megapixel. Ma anche le fotocamere anteriori sono sempre più importanti, per fare foto ma anche videochiamate: queste solitamente vanno da 5 Megapixel fino a 13, per le fasce di prezzo più elevate.

Come scegliere il miglior smartphone

Altri fattori decisivi

Reti

Quando parliamo di reti non ci riferiamo soltanto agli operatori, alle reti dati e al Wi-Fi, ma bisogna comunque partire da questi: oggi tutti gli smartphone dispongono di supporto Wi-Fi come anche di connessione fino al 3G.

Alcuni telefoni ancora sul mercato però purtroppo non supportano ancora il 4G/LTE, ma sta diventando una vera priorità quindi vi consigliamo di scegliere tra gli smartphone più nuovi, poichè solitamente possono connettersi anche alle reti wireless dual-band (5GHZ) e AC.

Se parliamo di connettività non possiamo dimenticare il Bluetooth, che ormai hanno tutti i cellulati sul mercato; i più nuovi però presentano anche una tecnologia più nuova: la NFC, che assicura maggiore velocità nella condivisione di file tra due dispositivi.

Supporto Dual SIM

Alcuni smatphone dispongono di supporto dual-SIM: danno cioè la possibilità di utilizzare due SIM nello stesso momento, secondo diverse modalità; utili per chi ha un numero personale e uno aziendale per esempio.

La prima modalità è detta Dual Stand-by, un po’ meno utili perchè non danno la possibilità di ricevere quando l’altra SIM è impegnata. La seconda modalità è chiamata Full Active, perchè le SIM sono entrambe sempre attive.

Solitamente per quanto riguarda le reti dati, viene utilizzata solo la prima scheda per navigare in internet (e quindi raggiungere il 3G o il 4G/LTE) mentre la seconda resta in 2G, per effettuare e ricevere chiamate.

Su alcuni Dual-SIM è possibile scegliere quale delle due utilizzare per navigare in internet direttamente dal cellulare, in altri casi putroppo bisogna invertire le SIM negli slot, quindi controllate che entrambi gli slot supportino 3G e 4G, per questioni di comodità.

Batteria

Della batteria di uno smartphone bisogna esaminare la potenza, che si esprime in milliampere/ora; maggiore sarà il numero di mAh, più lunga sarà l’autonomia del cellulare: ma attenzione, la durata è influenzata da diversi fattori. In primo luogo quanto il telefono viene utilizzato e se vengono attivate particolari funzioni come il Bluetooth, il GPS, o quanto tempo lo smartphone è in stand-by.

Ma la durata della batteria è influenzata anche dalle componenti hardware come il processore, la tecnologia dello schermo e il sistema operativo. Consigliamo una batteria da almeno 3000 mAh, poihcè assicura un'autonomia di circa 8 ore in media.

Sensore di impronte

Il sensore di impronte è sempre più utilizzato, soprattutto negli ultimi smartphone lanciati sul mercato. E’ infatti una funzione molto apprezzata per la sicurezza del telefono, in quanto permette di sbloccarlo mediante la propria impronta digitale (da registrare), accedere ad alcune app e confermare acquisti online.

Riconoscimento facciale e iris scanner

Il riconoscimento facciale e l’iris scanner sono altre due funzioni che si trovano negli smartphone più nuovi, e consentono di sbloccare il cellulare mediante la fotocamera, inquadrando quindi il proprio volto, o in alcuni casi, l’iride dell’occhio. E’ sicuramente una rivoluzione per la sicurezza, da considerare se il tuo cellulare contiene importanti file di lavoro, per esempio.

Resistenza ai liquidi

Un altro elemento da considerare è la resistenza a polveri e liquidi, se lavori in luoghi particolari può essere importante. Per controllare questa particolarità, cerca la certificazione IP, è solitamente seguita da due numeri: il primo indica la resistenza alla polvere, mentre l’altro all’introduzione di liquidi. Ovviamente maggiore è il numero, maggiore è la resistenza.